07 dicembre 2015 - Global Administrator - 0 commenti

Outsourcing, l'elisir di lunga vita per le risorse IT aziendali

Outsourcing, l'elisir di lunga vita per le risorse IT aziendali

Secondo The Software Alliance nel 2016 in Italia il 60% delle aziende gestirà le proprie risorse IT in outsourcing, ovvero migrerà le applicazioni informatiche su Private Cloud per migliorare l’efficienza e la produttività aziendale.

Come? L'abbiamo chiesto a Marco Musolesi, responsabile della nostra Area Cloud Services, e ci ha spiegato il caso del Gruppo Zenit, azienda emiliana leader nella produzione di elettropompe sommergibili con sedi in Europa e Asia. eLogic ha migrato sul proprio Cloud le applicazioni del sistema informativo di Zenit: questa soluzione consente al personale di Zenit di non preoccuparsi più delle problematiche relative al mantenimento e aggiornamento delle infrastrutture IT aziendali e di dedicare più risorse al proprio core business.


Marco, perché un’azienda dovrebbe migrare, ad esempio, il proprio gestionale sul cloud?
«Oggi, ancora molte aziende mantengono i propri applicativi “tra le mura” aziendali. Per offrire servizi interni efficienti e affidabili, il comparto IT si deve occupare di una serie di mansioni che non portano reale valore aggiunto all’azienda. Pensiamo alla gestione dell’obsolescenza dell’hardware, all’aggiornamento dei sistemi operativi, all’applicazione delle patch o alla riparazione dei guasti.  Pensiamo poi ai rischi di tenere un così importante patrimonio aziendale in ambienti spesso non idonei. Tale scelta è stata fatta in un mondo “informaticamente” molto diverso da oggi. Le tecnologie di virtualizzazione, il diffondersi del Cloud Computing e la disponibilità di banda rendono oggi vantaggioso l’outsourcing degli applicativi. Il comparto IT può così dedicarsi a mansioni a maggior valore aggiunto». 



Tutte le aziende possono avvantaggiarsi questa soluzione?

«A mio modo di vedere non c’è nessun limite per tipologia di aziende. Il servizio di eLogic si rivolge a tutte quelle imprese che ambiscono ad avere alta affidabilità e scalabilità nei servizi. Obiettivo di eLogic è comunque quello di affiancare l’azienda e di valutare insieme ad essa quali servizi possono trovare maggiore giovamento da una soluzione Cloud».

Come viene garantita la raggiungibilità degli applicativi?
«Questa è una domanda che viene posta spesso da chi è in fase di valutazione per una soluzione di Private Cloud. L’aspetto più critico riguarda il collegamento aziendale a Internet, prerequisito è poter disporre di un collegamento affidabile, veloce e possibilmente con una linea di backup. Per offrire un servizio davvero completo, eLogic ha stipulato un accordo con l’operatore TLC Retelit, che consente all’azienda di effettuare un collegamento diretto in fibra con i nostri datacenter. Con questa soluzione i servizi remoti funzionano con la stessa velocità della rete aziendale».

Ma è sicuro tenere i dati aziendali presso un operatore?
«eLogic rende disponibili all’azienda cliente degli ambienti segmentati completamente autonomi accessibili via VPN. I datacenter utilizzati (British Telecom a Milano e Retelit a Bologna) implementano tutti i requisiti di massima sicurezza, anche fisici, che arrivano fino al presidio perimetrale attraverso guardie armate. I dati aziendali sono così più al sicuro presso un operatore che all’interno dell’azienda».

Possiamo citare un caso pratico di azienda che ha scelto il Private Cloud?
«Vi cito un caso del nostro territorio: il Gruppo Zenit, azienda emiliana leader nella produzione di elettropompe sommergibili con diverse sedi in Europa e in Asia. La migrazione ha riguardato il sito pubblico e un sito a supporto dei dealer, la piattaforma web del catalogo ricambi e il sistema gestionale SAP. La soluzione è operativa da marzo 2015, con piena soddisfazione del cliente. Con Private Virtual Datacenter di eLogic il personale del Gruppo Zenit non deve più pensare a problematiche relative al mantenimento e all'aggiornamento delle infrastrutture IT aziendali e può dedicare più risorse al proprio core business».

Comments
Blog post currently doesn't have any comments.