09 ottobre 2015 - Global Administrator - 0 commenti

Privacy sul web, una questione di trasparenza

Privacy sul web, una questione di trasparenza

Lo scopo del web marketing è affiancare il consumatore ascoltandolo e fidelizzandolo. Ma c’è una linea sottile che separa il lecito dall’illecito e le strategie di comunicazione aziendale devono tenere d’occhio di una serie di regole per non essere invadenti con i propri utenti. Pena, multe che vanno da 30mila a 180mila euro sulle quali non sono previsti sconti anzi, vanno via via aumentando come testimonia l’ultimo provvedimento sull'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie. E come evitare di incorrere in pesanti sanzioni di natura amministrativa e penale? Da una parte le aziende hanno come obiettivo performance elevate di web marketing e dall’altra le regole da rispettare, ma le due strade sono conciliabili, fidatevi.


Attenzione all'uso corretto dei dati personali dei clienti.

Per le aziende che non possono disporre di un privacy officer, una figura molto diffusa nel mondo ma rarissima in Italia che ha le competenze per valutare se il trattamento dei dati personali è sviluppato in maniera corretta (solitamente laureato in informatica giuridica o in ingegneria informatica), c’è un vademecum degli obblighi da rispettare verso gli utenti. Innanzitutto attenzione al corretto uso dei dati personali: un’adeguata Informativa al cliente con gli estremi del titolare del trattamento e relativo responsabile, le modalità di raccolta, custodia e trattamento dei dati, le finalità del trattamento, l’eventuale comunicazione e cessione a soggetti terzi e gli estremi per l’esercizio del diritto di accesso. Evidenziate queste informazioni e rendetele facilmente reperibili con dei banner nella homepage e pagine ben visibili.
Essere chiari su questi punti sarà anche un valore aggiunto dell’azienda che vuole differenziarsi perché rispetta il consumatore e non lo vede come una semplice preda. Il cliente è al centro dell’attività come lo sono la qualità dei prodotti-servizi che vengono offerti e un’Informativa chiara stimolerà la fiducia dei propri acquirenti.



La sincerità e la trasparenza ripagano sempre.
Essere sempre aggiornati in materia di protezione dei dati e redigere una scheda con le procedure specifiche per tali trattamenti saranno dei valori nel proprio Modello Organizzativo Privacy che gli utenti noteranno e apprezzeranno. Fondamentale è rendere evidente la casella del Consenso, documentato, libero e specifico per le diverse finalità di marketing. Stesse norme valgono anche per le Landing Pages, le pagine di atterraggio per ricavare i dati di chi naviga.
Insomma, per quanto sembri che strategie di comunicazione e normative sulla privacy siano inconciliabili, attraverso la trasparenza e la correttezza delle aziende il binomio può e deve riuscire. Vero è che il panorama della giurisdizione italiana è particolarmente complesso e la sua interpretazione è affidata alle linee guida fornite dal Garante Privacy piuttosto che a una giurisprudenza ben consolidata e cristallina. E forse non servirebbero, ma educazione e rispetto alla base. E, alla lunga, ripagheranno sulla buona reputazione aziendale.

E voi che strategia utilizzate per promuovervi con il web marketing e rispettando i vostri utenti? 

Comments
Blog post currently doesn't have any comments.